Nuova sede per la CISAL di Frosinone, dal 1 Gennaio ci siamo trasferiti in via per Fiuggi N.14 (a pochi passi dalla vecchia sede)

Si rispetteranno i seguenti orari di apertura:

Dal Lunedi al Venerdi

dalle ore 9,30 alle ore 13,30

 

Comunicato stampa DPHAR Anagni

 

Il Segretario Provinciale della Federazione Lavoratori Chimici FIALC/CISAL di Frosinone, Massimo Arilli interviene sulla vicenda dello stabilimento DPHAR srl di Anagni ( ex ACS-DOBFAR) .

Venerdì 16 Giugno presso la sede Unindustria di Frosinone , su richiesta delle O.S. si è tenuto un incontro previsto dal CCNL per esperire il cosiddetto Osservatorio Aziendale in cui l’Azienda deve fornire tutte le informazioni su investimenti , occupazione , mercato, produzione, organici , organizzazione del lavoro , sviluppo, formazione del personale , Sicurezza e problematiche da affrontare.

Al tavolo, erano presenti il Direttore Piergianni Valentino e la responsabile del personale Ilenia De Santis,  la RSU di stabilimento i Segretari provinciali di categoria di Cgil-Cisl-Uil e il sottoscritto per la CISAL.

Lo scrivente ritiene che la situazione per lo stabilimento è seriamente preoccupante, abbiamo il prodotto principale che è l’asset della fabbrica , la daptomicina che rispetto ai volumi del 2015 si è quasi dimezzata , il nuovo enzima liofilizzato ancora non è a regime , la sola crescita del Panaferd da solo non riesce ad equilibrare la redditività aziendale.

E’ indispensabile inserire in produzione nuovi prodotti , tra l’altro già commissionati da casa madre MERK , qui la nota dolente ..! purtroppo nonostante i progetti per nuove linee di produzione sono esecutivi , i finanziamenti del Contratto di programma per 48 Ml di € sono stati stanziati e pronti per essere erogati ma è tutto bloccato..!

Purtroppo il 10 Ottobre 2016 ad opera del Corpo Forestale c’è stato il sequestro del terreno dove deve sorgere il nuovo insediamento industriale , conseguentemente al sequestro è stato aperto un procedimento giudiziario presso la Procura della repubblica di Frosinone....

Considerato che il Contratto di Programma prevede entro il 31/12/2017 un S.A.L. per erogare la prima tranche, la Dpahr per non perdere il finanziamento ha dovuto chiedere a InvItalia una sospensiva per motivi non imputabili alla Società ma alla questione del sequestro, fortunatemente InVitalia per questa volta ha concesso una sospensiva temporanea , è improbabile che possa tenere “appesi” nel limbo ben 48 Ml € con l’incertezza che regna sovrana ancora per molto tempo.

Un apprezzamento va rivolto alla proprietà per la pazienza dimostrata nel credere ancora a questo progetto per Anagni , nonostante un “territorio” ostile, che si accanisce contro uno sviluppo di crescita ecosostenibile.

Nel frattempo la società Dphar per soddisfare il mercato della produzione di nuovi farmaci che avrebbe dovuto fare ad Anagni , ha investito ben 100 Ml di € a Teramo con estrema facilità e sta già producendo il prodotto.

La CISAL esprime forte preoccupazione, per il futuro della Dphar, e per i 137 lavoratori più altri 60 dell’indotto in quanto se il sequestro dovesse permanere ancore per mesi si perde definitivamente questa importante opportunità di investimento che è indispensabile per consolidare lo stabilimento e per ulteriore crescita a regime di oltre 60 lavoratori.

La CISAL , nella consapevolezza che il territorio nord della provincia di Frosinone , riconosciuto anche “area di crisi complessa”  ha subito una devastazione di migliaia di posti di lavoro, con decine di stabilimenti che hanno chiuso, ritiene che l’unica strada da perseguire per attrarre investimenti, per risollevare le sorti, rilanciare la crescita , lo sviluppo e l’occupazione, sia far diventare questo territorio  “zona franca” , a tal proposito rivolge un appello a tutti gli “attori” dell’economia del territorio , istituzioni , amministrazioni pubbliche , Sindaci , Regione Lazio, politici, associazioni datoriali e sindacali per l’interessamento allo scopo del MISE.

 

Frosinone, 19/06/2017

Massimo Arilli

Segretario FIALC/CISAL FR

 

 

 

 

Scarica il PDF del comunicato nella pagina Download

 

Chi è online

 1 visitatore online

Flash News

Modulo Newsletter